La minestra è maritata il giorno di santo Stefano

La minestra maritata (o pignato grasso) è stata per lungo tempo una delle pietanze più consumate a Napoli sino all’introduzione della pasta, protagonista indiscussa delle tavole dal Seicento. Questo piatto era, ed è tuttora, preparato con verdure unite a diversi tipi di carne, motivo per il quale la minestra era detta “maritata”. Nel cercare le sue origini … Leggi tutto La minestra è maritata il giorno di santo Stefano

Annunci

La pizza di scarole, un classico della Vigilia di Natale

La pizza di scarole è il piatto tipico della tradizione da poter gustare alla Vigilia di Natale per soddisfare i primi languori e senza esagerare, nell'attesa della lauta cena con tante pietanze a base di pesce. Le scarole, note anche come indivia, sono un tipo di verdure. A Napoli ed in Campania ne abbiamo di … Leggi tutto La pizza di scarole, un classico della Vigilia di Natale

Gli struffoli, i dolci natalizi più noti a Napoli

Gustare gli struffoli significa avvertire l’immediata dolcezza del miele che ricopre questi dolci, fatti di una pasta che si presenta compatta ma morbida con quel delicato sapore di liquore Strega. Nel caso degli struffoli, storia e leggenda si avvicendano senza notizie sicure. Unica certezza possiamo trovarla nel Seicento, con il trattato di Carlo Nascia “li … Leggi tutto Gli struffoli, i dolci natalizi più noti a Napoli

Il raffiolo, una dolcezza di Natale

Tra i tipici dolci natalizi napoletani,  vi è anche il raffiolo "a cassata". Dalla forma piuttosto insolita, questo dolce presenta un leggero strato di ghiaccia di zucchero che avvolge come in un abbraccio, il morbido pan di Spagna farcito con crema di ricotta, l'intenso cioccolato fondente e la delicata frutta candita. Oltre al raffiolo più tipico, … Leggi tutto Il raffiolo, una dolcezza di Natale

I mustaccioli, dolci natalizi al cioccolato

Sono facilmente riconoscibili grazie alla loro tipica forma romboidale (di 10-12 cm). Al primo assaggio la cioccolata fondente che li ricopre, lentamente si scioglie e cede il passo alla dolce e morbida pasta con il miele, poi alla cannella ed infine a quei piccoli pezzi di mandorla che suggellano il matrimonio di questi sapori. L’origine … Leggi tutto I mustaccioli, dolci natalizi al cioccolato

Pizz e foje, tradizione d’Abruzzo

Se vi trovate in Abruzzo per turismo o per lavoro, vi consigliamo di provare un piatto tipico di tutta la zona, con particolare attinenza alla provincia di Chieti (Lanciano in particolare): pizza e foje. Si tratta di una pietanza che trae le sue origini dalla tradizione contadina, tipica di questa regione appenninica. La farina di … Leggi tutto Pizz e foje, tradizione d’Abruzzo

Liquore alla menta, dolce elisir

La menta, presente negli orti dell’antica Pompei, era la pianta più usata per la preparazione della salsa per le sarde, per le carni o anche per un semplice condimento piccante. Anche nel De re coquinaria, il testo classico della letteratura gastronomica romana (con circa 468 ricette e consigli sugli alimenti) l’autore Apicio suggeriva come preparare … Leggi tutto Liquore alla menta, dolce elisir

Zuppa di soffritto: piatto povero, gusto ricco

In origine era chiamata “saporiglio” ma già nota con il suo più famoso nome nel’ 600 quando G.B. Basile nelle sue “Muse Napolitane” (egloga III) ne fece menzione, il soffritto è un piatto abitualmente preparato e mangiato nel periodo invernale; spesso servito come primo piatto al posto della minestra o come sugo (ma un po’ … Leggi tutto Zuppa di soffritto: piatto povero, gusto ricco

Zucchine alla scapece, squisitezza non solo in estate

Tipica della cucina napoletana questa deliziosa pietanza è preparata soprattutto in estate; alla scapece possiamo preparare anche la zucca, le melanzane o anche le carote. La sua origine resta piuttosto incerta: per alcuno la parola “scapece” deriva dall'unione di  “esca” (prefisso latino per alimento) + “alice” (il pesce azzurro più usato in cucina e solitamente marinato) oppure … Leggi tutto Zucchine alla scapece, squisitezza non solo in estate

Monachine, da gustare in.. “religioso” segreto!

Già dal’400 i monasteri femminili furono i depositari delle più antiche ricette dei dolci della pasticceria non solo napoletana, ricette così preziose da restare segrete per lungo tempo o misteriosamente “svelate” a personaggi arguti come l’oste Pintauro con la ricetta della Santarosa! I dolci solitamente preparati per una festività del calendario liturgico, come nel caso … Leggi tutto Monachine, da gustare in.. “religioso” segreto!