S. Agata, sui due golfi e tra le meraviglie

In Campania, molto spesso, si crea dualismo tra le due meravigliose costiere che la regione può offrire: la sorrentina, appartenente alla provincia di Napoli, e la amalfitana, che invece è ascrivibile a quella di Salerno. Anche quando si è in autostrada, sulla Napoli - Salerno, una volta presa l'uscita di Castellammare di Stabia, si è … Leggi tutto S. Agata, sui due golfi e tra le meraviglie

Annunci

Isernia, una piccola grande città

Uno dei più piccoli capoluoghi di provincia d'Italia, terza città del Molise, Isernia regala al visitatore piacevoli scoperte. La terza città del Molise ha un centro storico piuttosto piccolo e raccolto, che può consentire di passarvi un periodo piacevole anche se breve, perdendosi nelle viuzze e magari assaporando la buona cucina molisana dei suoi ristoranti. … Leggi tutto Isernia, una piccola grande città

Casalbore, un ameno borgo lungo la via Traiana

Casalbore è un piccolo borgo irpino della valle del Miscano, al confine con la provincia di Benevento. Dall’alto della sua collina è possibile scorgere il profilo del Taburno, le colline della Puglia e le montagne dell’Alto Sannio. Il “paese delle cinquanta sorgenti” con i suoi mulini caduti in disuso, è un luogo ameno, attraversato dall’antica … Leggi tutto Casalbore, un ameno borgo lungo la via Traiana

Solopaca, quando l’uva è in festa

A settembre, a Solopaca, l'uva è in festa. Il paesino di 4000 anime in provincia di Benevento, ospita infatti da ormai 38 anni, la festa dell'uva. Durante questa kermesse, che si svolge nella seconda domenica di settembre, uva e vino diventano protagonisti dell'intera vallata del fiume calore, da cui è attraversata la cittadina sannita. Numerosi … Leggi tutto Solopaca, quando l’uva è in festa

Apice, città fantasma del Sannio

21 agosto 1962: sono le 19,30 quando n terremoto si abbatte sul Sannio, in Campania. Per fortuna i morti sono soltanto 20, ma in quella data un piccolo comune del Sannio, provincia di Benevento al confine con l'Irpinia, vedrà per sempre interrotto il so corso di vita, divenendo a tutti gli effetti una città fantasma. … Leggi tutto Apice, città fantasma del Sannio

Il castello Lancellotti di Lauro (Av)

Il castello Lancellotti è considerato uno dei complessi difensivi meglio conservati della Campania. Con le sue torri e le possenti mura merlate sovrasta imperante il borgo dall’alto del pianoro roccioso detto “primo sasso”. Non si ha una data precisa della sua edificazione ma le prime notizie certe della presenza di un maniero nell’area del casale … Leggi tutto Il castello Lancellotti di Lauro (Av)

Lauro (Av) e le sue scoperte

Il comune di Lauro si trova nella Bassa Irpinia, al centro dell’omonimo Vallo, completamente circondato da noccioleti, uliveti e castagneti. L’origine del suo nome sembra legata al mitico Ercole. Si racconta che quest’ultimo, dopo aver fondato Ercolano e Pompei, si fosse diretto verso l’antica città campana di Fregenia dove fu accolto dagli abitanti con dei … Leggi tutto Lauro (Av) e le sue scoperte

Bonea un piccolo borgo della Valle Caudina

Bonea sorge ai piedi del maestoso Massiccio del Taburno. Meta preferita di escursionisti che si inoltrano lungo i sentieri del monte e immersa in una natura incontaminata, custodisce importanti vestigia rinvenute sul finire degli anni’50, durante un’isolata campagna di scavo che valse ad approfondire anche la conoscenza di alcuni aspetti dei Sanniti-Caudini, noti per essersi difesi strenuamente contro i Romani; … Leggi tutto Bonea un piccolo borgo della Valle Caudina

Apertura straordinaria del Real sito di Carditello

Si rinnova l'iniziativa anche ad aprile, maggio e giugno dopo il successo delle aperture straordinarie ogni sabato e domenica di gennaio, febbraio e marzo! I visitatori potranno visitare gratuitamente gli ambienti al primo piano dell’edificio centrale della tenuta di Carditello e gli spazi esterni come l’ippodromo ed il tempietto neoclassico a pianta centrale. La Reggia di … Leggi tutto Apertura straordinaria del Real sito di Carditello

Tintilia, più unico che raro

Sarà perché è l'unica d.o.c. autoctona del Molise, sarà perché ha caratteristiche organolettiche particolari,sarà perché il Molise è una terra di confine, di cui spesso non si mette, ingiustamente, quanto di buono può offrire, una cosa è certa: il Tintilia è un vino più unico che raro. Coltivato fin dai tempi dei romani, il tintilia … Leggi tutto Tintilia, più unico che raro