Leonardo in mostra al Museo Diocesano

Il  Salvator Mundi approda a Napoli con la straordinaria mostra “Leonardo a DonnareginaI Salvator Mundi per Napoli”. Ideata dal Prof. Carlo Pedretti, tra i maggiori esperti di Leonardo, con la cura scientifica  di Nicola Barbatelli ed allestita nelle sale del Museo Diocesano, la mostra accoglierà i visitatori dal 12 gennaio sino al 30 marzo 2017 (n.r. prorogata fino al 30 aprile 2017).

copia-del-salvator-mundi-realizzato-allinizio-del-500.jpg

Secondo il Wall Street Journal l’opera fu attestata per la prima volta nella collezione di Carlo I e Carlo II d’Inghilterra ma se ne persero le tracce nonostante la diffusione delle sue numerose copie. Appartenuta al leggendario collezionista sir Francis Cook  e al marchese de Ganay, l’opera fu acquistata da un consorzio di commercianti americani nel 2004. Portata anche alla National Gallery per una valutazione, il direttore dell’istituzione museale ed i suoi esperti, dopo aver esaminato l’opera, decisero di approfondirne la conoscenza con ulteriori ricerche. Solo l’importante restauro e l’attenta analisi stilistica hanno consentito di poterla riconoscere come opera di Leonardo da Vinci e non del suo allievo, Giovanni Boltraffio. L’olio su tavola ritrae a mezzo busto un Cristo benedicente che nella mano sinistra regge un globo, simbolo del potere di redenzione sulla terra.

salvator-mundi-muscettola

L’opera di Leonardo sarà affiancata dal Cristo benedicente della chiesa di san Domenico Maggiore (cappella Muscettola) recentemente attribuito al leonardesco Girolamo Alibrandi, dal Cristo fanciullo del Salai (Gian Giacomo Caprotti), allievo del maestro e da dipinti degli esponenti della scuola leonardesca come Marco D’Oggiono, tra i più noti allievi di Leonardo.

0e3713d3

I visitatori potranno inoltre ammirare tre preziosi fondi grafici napoletani:

il “Codice Corazza” del 1640 (conservato nella Biblioteca Nazionale di Napoli), copia fedele degli scritti di Leonardo, redatta da Cassiano dal Pozzo per il Cardinale Francesco Barberini, pervenuta al letterato Vincenzo Corazza e portata a Napoli nel 1784; il “Codice Federiciano” (conservato nella Biblioteca umanistica dell’Università Federico II di Napoli), codice manoscritto del 1570, appartenuto alla famiglia napoletana Brodetti e che riproduce tre documenti scritti da Leonardo da Vinci; Napoli antica e moderna“, opera redatta dall’abate Domenico Romanelli ed edita nel 1815.

codice-da-vinci

Info

luogo: Complesso Monumentale Donnaregina – Museo Diocesano di Napoli

data: dal 12 gennaio al 3o marzo 2017

orario: dal lunedì al sabato, dalle ore 09.30 alle 16.30, domenica dalle ore 09.30 alle 14.00 (chiuso il martedì)

indirizzo: Largo Donnaregina 80138 Napoli

costo: € 6.00

Contatti: 0815571365 || info.museodiocesanonapoli.it || www.museodiocesanonapoli.com

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...