La taccola, il legume “mangiatutto”

Potrebbero ricordare il baccello dei piselli ma sono ben diverse: le taccole sono molto tenere, con una forma allungata e piuttosto schiacciata! Il sapore è molto simile a quello dei fagiolini. Il periodo di raccolta avviene dalla primavera sino all’estate (fine luglio). Originarie del bacino Mediterraneo e del Vicino Oriente, sono note come “piselli cinesi” anche se il loro soprannome più comune è quello di “mangiatutto”! Certo, delle taccole si mangia davvero tutto (eccetto le piccole estremità) ed oltre i suoi semi si consumano anche i baccelli ricchi di fibre vegetali.

taccole 7

Di questo legume potremmo enumerare le sue infinite proprietà: ricche di acqua, minerali, di vitamina C, caroteni, vitamine B9 e ferro. Per la loro discreta dose di proteine vegetali possono divenire un piatto unico e nutriente! Essendo poco caloriche possiamo abbondarne le quantità ed abbinarle anche ai carboidrati come la pasta!

Infinite sono le sue ricette: taccole al pesto, vellutata di taccole con i pistacchi, taccole e patate in umido o anche taccole miele, noci e pecorino, pesto di taccole. Possono essere abbinate con le uova, il tonno o il formaggio. Nel Meridione possono essere preparate con i pomodorini ed il peperoncino per farne un contorno leggermente piccante e gustoso, sbollentandole per pochi minuti (in acqua salata) per poi insaporirle in padella con il sugo di pomodorini, peperoncino, basilico ed aglio.

Ancora dubbi sulle taccole?

taccole 6

Opto spesso per una ricetta piuttosto semplice e aggiungerei rapida: taccole bollite con limone, aglio e olio d’oliva.

Ricetta delle taccole con il limone:

500 gr. taccole

1 limone

½ spicchio d’aglio

sale

olio di oliva (q.b.)

Prima di essere cotte, occorre lavarle in abbondante acqua fredda e pulirle eliminando solo le estremità (come se fossero fagiolini) ed il filamento se duro. Mettere poi le taccole in una pentola con acqua bollente (precedentemente salata) e lasciarle cuocere per 10/15 minuti. Per la cottura è opportuno che siano “al dente” per mantenerne intatte tutte le proprietà! Una volta cotte, toglierle dalla pentole e lasciarle raffreddare. Tagliare ogni taccola in 4 parti e riporre in un piatto da portata aggiungendo il succo del limone, l’olio di oliva, l’aglio (se lo gradite) e girare il tutto. E’ un contorno semplice e adatto per essere abbinato a molti secondi; lo abbinerei anche ad un piatto di couscous o ad un formaggio fresco.

Consiglio: ½ cucchiaino di zucchero nell’acqua servirà a non alterare il suo bel colore!

Annunci

Un pensiero su “La taccola, il legume “mangiatutto”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...